LA VIA PER LA FELICITA'

Io sono monotematica. A volte.Non sempre. E' che a volte mi sembra quasi di farlo apposta.A volte mi sembra quasi di essere noiosa. O forse lo sono veramente. A volte mi capita di perdere la visuale. Di non vedere più le sfumature. Io, che sono la prima a dire che non esiste solo bianco o nero. Io che adoro vedere anche il blu di una giornata passata in relax facendo qualcosa di bello per se stessi solo con se stessi. Io, anche adoro vedere il verde di una camminata in mezzo a dolci colline. Io che adoro ammirare i raggi gialli di un sole che mi sono quasi dimenticata che sensazioni sprigioni splendendo al massimo della sua forza. Io, che adoro il rosso di una serata di passione. Io, che non dimentico l'arancione e il viola e il rosa e l'azzurro…quell'azzurro di un cielo di una giornata limpida di primavera solcato da qualche rondine e sporcato solo da striature bianche di nuvole di passaggio. Ecco, io adoro le sfumature eppure a volte, quando scrivo della mia vita, quelle sfumature tendo a dimenticarle. Quasi un anno fa scrivevo post di felicità. E adesso non è che io non sia felice. Ma non è più come allora. Forse perchè non è più come allora. Qualcosa è cambiato, questo è vero. Ma nonostante ci siamo sempre persone a me care vicino a me non riesco a scrivere un post come quelli che scrivevo un anno fa. Non sono infelice. Ma non sono nemmeno felice. Sono un po' sospesa nel tempo. Ecco cosa intendo quando dico che sono monotematica. Quello a cui riesco a pensare in questo momento è il tempo. Il tempo che mi ci vuole per ritornare ad essere felice allo stesso modo e anche di più di un anno fa. Questo vorrei. La ricetta per tornare indietro e forse cambiare alcune cose e prendere strade diverse. Provare,fare, disfare. Vedere come va. Se funziona e poi in caso premere un tasto e ricominciare. Invece no, l'unica cosa che puoi fare è andare avanti e pensare che quello che è stato è stato e puoi riprovare, aggiustare, ma non puoi cancellare. A volte penso, adesso penso che mi ci vorrebbe tempo quando tempo non ce n' e mentre quando di tempo non ne hai mai abbastanza tempo non ce n'è mai. Perchè deve essere sempre così?perchè non si può vivere in una dimensione in cui tempo ce n'è sempre abbastanza?Io credo che il tempo sia strettamente legato alla felicità di una persona. Credo che quando sei felice le cose scorrono velocemente, troppo velocemente e tu non vorresti mai che tutto questo finisse. Credo che quando si è tristi, o semplicemente quando le cose vanno e basta, senza enfasi, senza troppo entusiasmo, quando le fai andare perchè devono andare, perchè è la vita e tu non ci puoi fare niente, io credo che quando le cose vanno in questo modo il tempo sembra quasi non passare mai. Te ne stai lì aspettando che accada qualcosa che faccia andare avanti quelle lancette che più le guardi più sembrano stare ferme. I minuti diventano ore  e le ore diventano anni. E tu vorresti solo fare in modo che quel tempo che non passa mai possa essere scambiato con quel tempo che invece passa troppo in fretta perchè non sembra giusto. Perchè non è giusto che quando qualcosa non va come vorresti che vada, che quando qualcosa ti è indifferente il tempo scorre sempre troppo lentamente mentre quando ti diverti, quando non vorresti fare altro che rimanere lì, in quella dimensione che sembra quasi un qualcosa di magico, di unico, di tuo e basta, di tuo e di nessun altro, quando ti trovi in quella dimensione lì vorresti starci sempre.E' un po' come una droga, una dipendenza di cui non puoi fare a meno. E quando provi quello che tutti vorrebbero provare, quando provi quello che tutti dovrebbero provare inizi a pensare come fare per essere felice di nuovo, Per poter riprovare quello che hai provato e forse anche a pensare se quello che hai provato è il massimo di quello che si può provare. Un po' come l'Amore. Non puoi sapere cos'è l'Amore fino a quando non lo provi,. Fino a quando non senti il tuo cuore battere nel petto. Fino a quando non senti quel calore. Fino a quando non senti quella sensazione dentro di te ogni volta che puoi toccare la persona amata. Ogni volta che senti quel qualcuno dire Ti amo. Ogni volta che ti senti dire Ti amo e ci credi veramente. Ma quando lo provi,quando trovi quell'Amore che supera tutti quelli che sono stati gli amori precedenti allora ti chiedi se è questo il vero Amore. E ne sei convinto, perchè non hai mai provato sensazioni più forti. E forse ti chiedi se si può provare di più. Perchè se fino ad ora non era così forte niente potrebbe farti dubitare che possa esserci qualcosa di ancor più forte. Come si fa a sapere quando si ha raggiunto di limite massimo?qual è il limite oltre il quale non c'è niente altro?esiste questo limite?E se decidi di rinunciare è vero Amore?Perchè uno dovrebbe rinunciare ad essere felice?come può la ragione avere la meglio sulla ragione?Perchè uno dovrebbe rinunciare ad essere felice?perchè uno dovrebbe rimunciare a vivere in quella dimensione di beatitudine?Forse sono dei fuochi fatui. Forse a volte il cervello ha ragione. Forse non sempre fare quello che dice il cuore è la via giusta per la felicità. Forse il tempo dirà che è meglio così. Forse la via per la felicità non è sempre felice. 

Annunci

Un pensiero su “LA VIA PER LA FELICITA'

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...