UN ATTIMO DI PACE

…a volte all’improvviso ti si svuota la mente. Ti rendi conto improvvisamente che non esiste più nessuno. Che non c’è più un pensiero persistente. Che stai bene. Le vacanze mi hanno fatto bene. Ma forse si era già capito. Ed ho capito a mia volta che ci sono momenti in cui per stare bene mi è sufficiente fuggire dal mondo. Andare da qualche parte, in qualche posto.  Adesso sto bene. E so che non è la prima volta che dico di stare bene. E poi arrivano di nuovo i momenti no. Ma la vita è una ruota che gira. Non ci puoi fare niente se non riuscire a capire come affrontare certe situazioni. A me è servita anche quella fantastica settimana nell’isola che non c’è. Mi sono rilassata. Mi sono divertita. Ho avuto delle sensazioni piacevoli e ho vissuto delle ore strane. Ho conosciuto gente simpatica ed ho incontrato persone da dimenticare. Non riesco a smettere di pensare a quei meravigliosi tramonti e la mia anima è ancora legata a quel posto e non ne vuole sapere di tornare a casa. Mi sono resa conto di chi veramente mi è mancato. Di chi avrei voluto avere vicino a me a fare un bagno al largo. Di chi avrei voluto a fianco per scambiare quattro chiacchiere. Mi sono resa conto per l’ennesima volta che non vale la pena perdere tempo dietro a qualcuno che non vuole condividere del tempo con te. Mi sono resa conto che il rispetto è la base di ogni rapporto. Mi sono resa conto che le persone non cambiamo e non si cambiano, che se le cose sono strane all’inizio è inutile cercare di farle funzionare e “vedere come va”. Ho provato sulla mia pelle cosa significa incontrare un amico vero perché gli amici veri sono quelli che si insinuano nella tua vita senza neanche che tu te ne accorga. Un giorno però ti illumini e capisci che quella persona c’è. Ti vuole bene e tu gliele vuoi a tua volta. Mi sono resa conto che l’affetto non si dimostra in modo uguale per tutti e soprattutto ho imparato che se qualcuno non fa quello che voglio io o non dice quello che le mie orecchie vorrebbero sentirsi dire, non per forza quella persona non ci tiene. Ho imparato ad essere meno istintiva e più razionale, più razionale e meno istintiva. Tutto questo in una settimana? No. La settimana mi è servita solo per fare chiarezza. Per analizzare la situazione dall’alto. Sono brava ad ascoltare gli altri ma a volte non sono capace di ascoltare me stessa. Mi rendo conto certe volte che certe situazioni non vanno e fanno solo male eppure la parte razionale di me non riesce a prendere il sopravvento. E’ come se fossi due persone diverse. Una continua a sperare mentre l’altra ha già capito come funziona. Come andrà a finire. Qual è la cosa giusta da fare. Eppure è come se non fossero collegate. Come se dessi consigli a qualcuno che non vuole ascoltare. E’ sempre stato così. La speranza non mi ha mai abbandonato. A volte mi sono fatta male fino a quando non ho raggiunto il punto di rottura. Ed è stata liberazione. Oggi sono così. Libera.

Annunci

Un pensiero su “UN ATTIMO DI PACE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...