RIMANIAMO AMICI?

Non riesco a capire perchè alcune persone debbano per forza sostenere le loro ragioni in modo che a volte rendono le cose ancora peggiori di quello che già sono.

Quello che mi serve è un parere impersonale. Qualcuno che non può essere coinvolto. Qualcuno che possa farsi un’idea solo dalle parole e dal racconto dei fatti.

Qualcuno potrebbe pensare che la mia sia una posizione di parte però. Forse è vero.

Però le cose stanno così. Lasciata. La Vita. Queste cose capitano. L’ho capito anche io. A distanza di giorni ci ho pensato e ripensato. Ho letto una lettera di una ragazza su un giornaletto che non mi dispiace leggere cazzeggiando che chiedeva come si poteva essere così freddi e distaccati. E me lo sono chiesta anche io. Come è possibile che prima sia tutto un idillio e dopo ci sia solo gelo?

E la risposta è stata illuminante: il punto è che probabilmente la persona appare fredda perchè la sua decisione è frutto di una ponderata riflessione che magari dura da mesi. E tu non te ne sei accorta. Magari perchè l’altro è bravo a nascondere. Magari perchè tu hai gli occhi foderati di prosciutto.

Ho capito il perchè del atteggiamento. Ancora non capisco il perchè del gesto. Ma credo che non esista una spiegazione al perchè uno ti dico “che non è innamorato”. Non lo è punto e basta. Mia madre dice che è una risposta comoda. Cosa rispondi a uno che ti dice così? Niente. Prendi atto. Punto e basta. Qualcuno la potrebbe ritenere sincera. meglio adesso che fra 9 mesi.

Probabilmente sarei anche arrivata a farmene una ragione. Se non fosse per quello che mi è stato detto dopo.

Non tanto la questione del Rimaniami Amici?” Io ci ho provato. Ci ho voluto provare. Ma se lasci qualcuno non puoi pretendere che sia come prima.  Devi mettere in conto la ripicca. L’odio che nasce che probabilmente ha la stessa intensità dell’Amore che hai provato per quella persona. Si dice che Amore e Odio sono facce della stessa medaglia ed io inizio a crederci.Perchè se qualcuno ti ferisce non vuoi far altro che dimenticare. Vuoi sotterrarlo in fondo ai tuoi pensieri. Non vuoi che stia male ma ti serve quella forza necessaria per andare avanti. Io non credo nell’amicizia fra uomo e donna anche se ho un amico maschio. Ed è davvero un’amicizia sincera di quelle che non hanno doppi fini. Ma è un caso raro. La famosa eccezione. Tutti gli altri sono stati messi da parte.

Capisco tutto ma non capisco perchè, se già hai fatto del male, devi girare anche il dito nella piaga. Dopo.

Ho ricevuto una mail. Dopo. Una mail che andava a commentare qualcosa che avevo scritto io.

Ciao come stai?
Ho letto gli ultimi aggiornamenti… mi permetto di dire solo una cosa:
sono tutti professori a fatti conclusi, così come – quando vengono interpellati – tutti dicono “oh che brava persona, state proprio bene assieme!!”. Solita storia, solita “ipocrisia”. Nessuno però che dice: sei stata davvero bene per il tempo in cui siete stati assieme? POi discutiamo del dopo, ma quello che dice lo sapevo ma nulla disse è davvero troppo!! Anche perchè, mi spiace, ma ti fa solo stare male a gratis.
Concluso qua il mio pensiero.  

La mia non è stata una risposta di quelle leggere. Sono stata pesante. Pesante perchè le parole erano quelle delle persone cui voglio più bene. Mia madre e mia nonna. Che se mi dicono certe cose non è certo per denograre gli altri ma farmi capire che sono cose che capitano, che forse capiteranno, che con il tempo e l’esperienza diventi più grande. E forse certi errori non li rifai più. Che loro mi vogliono bene mentre chi mi dice che me ne vuole mi fa solo male. Le parole sono parole. E siamo tutti bravi ma poi a fatti….

E mi sono ritrovata a leggere questo:

Sinceramente sono sorpreso per la tua risposta che ovviamente spiego e giustifico per i tempi non proprio felici. La mia è stata una considerazione neutra (come fatte altre volte confrontandoci sui tuoi post), frutto di valutazioni di massima sulle frasi che si dicono in casi analoghi (in sostanza le classiche “chiacchiere da bar” post relazione) scevra da ogni giudizio personale o morale. Tantopiù che quando ho parlato di ipocrisia ho usato apposta le “…” proprio perchè il senso non era letterale. Sul diritto di commentare lascio perdere che è meglio dai… anche perchè non capisco il nesso eziologico tra “quello che ti ho fatto” (cosa poi???? ti ho menato, tradito, maltrattato, vessato?? :DDD) e il diritto a esprimere un parere personale.

Beh, almeno ti sei sfogata, spero.
 
Guardando al futuro non posso che osservare come – quando ti rivolgi a me – c’è sempre una comprensibile carica di astio e nervosismo (ho detto COMPRENSIBILE!!) verso di me; sempre facendo chiacchiere da bar sono d’accordo con i tuoi… è assolutamente contro natura portare avanti un rapporto tra noi, dato che è evidente che non ci sono al momento i presupposti (e intendo rispetto per l’altra persona). Probabilmente non sei, dal punto di vista emotivo, in grado di prendere una decisione e, forse, allora spetta a me prenderla.

Nessun rancore, nessun problema, la tua mi pare un’accorata richiesta: lasciami in pace. Beh non ho mai voluto portare guerra o caos nella tua vita e, allora, con molta serenità posso sgravarti da ogni problema. 
Non ci sono, ripeto, allo stato attuale le basi per poter parlarci e vederci con serenità, nè puoi pensare che sia per me rinfrancante sapere che si esce assieme e stai male. Ora so bene che verrà fuori il discorso “fuga dalle persone”, “paura delle emozioni”, “hai detto che mi stavi vicino e invece te ne vai” e altre chiacchiere da bar, ma se per te è più facile dare un senso alle cose usando questa soluzione di comodo va benissimo. Anche perchè altre soluzioni non ne vedo, nè tu mi pare le stia proponendo.

 Per me è ancora una buona giornata, grazie per il pensiero che apprezzo, spero sia altrettanto per te. Così come spero siano ottime e felici (più delle ultime e forse di quelle passate assieme) le giornate future.

 Buona fortuna per tutto, baci.
P.S. Sarò a tuo giudizio freddo e distaccato (ma se lo fossi davvero non ti avrei risposto neppure), ma ti assicuro che non me la sono presa per quello che hai scritto, nè è mio intendimento farti rimanere male o ferirti con questa mail. Vorrei che leggessi in modo neutro e rilassato queste mie parole e serbassi almeno un buon ricordo di me. Poi tolgo il disturbo.

E ancora adesso non riesco a capire.  Anzi, se la leggo adesso che sono passati un po’ di giorni, mi viene da ridere. Mi viene da ridere a leggere qualcuno che dice che la sua è una considerazione neutra e scevra da ogni giudizio personale o morale quando stiamo parlando di una cosa che è accaduta a noi e non ad un amico. Sorrido pensando al fatto che qualcuno mi dica che io non sono emotivamente in grado di prendere una decisione e quindi probabilmente dovrei ringraziare per tutto questo. Mi viene da pensare quando qualcuno mi dice “che cosa ti ho fatto” e pone come esempi il tradimenti, il maltrattamento fisico e non si rende conto che è esattamente la stessa cosa. E’ stata tradita la mia fiducia e le ferite dell’anima sono peggiori di quelle fisiche. Mi viene da ridere quando mi chiedono di proporre delle soluzioni a qualcosa che io non ho voluto.

Vuoi rimanere amico di qualcuno che hai lasciato? allora agisci come tale. Non puoi pensare che la strada che porta all’amicizia sia rose e fiori. non puoi pensare che sia facile. Non puoi pensare di avere ragione solo perchè ritieni di avere fatto qualcosa di giusto. E’ giusto per te. Ma gli altri esistono. E le decisioni che ad alcuno fanno stare bene ad altri fanno male. Si parla di rancore, problema. Quello di cui non si parla sono io. E la comprensione per me. A parte il fatto che dovrei essere rilassata.

O certo, lo sono. Adesso che mi sono sfogata lo sono davvero.

MA VOI CE LI AVETE DEGLI EX (FIDANZATI) AMICI?

 

Annunci

12 pensieri su “RIMANIAMO AMICI?

  1. Francesco Vitellini

    Non conoscendo nulla della vostra storia mi baso solo sulle informazioni che riesco a trarre da questo post (per cui, se sbaglio, perdonami e, eventualmente, correggimi).
    Nella seconda risposta che hai ricevuto io leggo un sollievo per una facile via d’uscita da una situazione imbarazzante del tipo “come faccio a svincolarmi senza dover trascinare la cosa per le lunghe”? (lo si capisce anche dalla “considerazione neutra”… se è comprensibile che tu sia incazzata perché la storia è finita da poco allora è anche palese che a lui non interessi proprio nulla più della storia stessa, visto che riesce a essere “neutro”).
    I frequenti riferimenti alle “chiacchiere da bar” mi fanno pensare che la persona che scrive sia abituata a ragionare per luoghi comuni (ecco perché per lui il “male” che poteva farti è limitato ai canonici tradimenti o maltrattamenti, fisici ed evidenti).

    Personalmente credo che tu non perda nulla a non averci più a che fare…

  2. ti ringrazio!!!. Guarda, ho scritto quello che ho scritto perchè volevo appunto un commento da persone che non sono coinvolte. Io non riesco ad essere neutrale. Al momento provo solo sentimenti negativi per quello che mi è stato fatto e l’unica cosa che riesco a capire è che sia un modo per riuscire ad andare avanti. Così è più facile se riesci a chiudere quella persona in una scatola e a lasciarla lì non fa più male. Per chiuderla nella scatola la devi rendere piccola ai tuoi occhi.

    Forse non è il comportamento da persona matura ma al momento non so fare altro. Forse con il tempo sarà diverso.

    Per quanto riguarda la tua lettura, il senso di sollievo che percepisci è quello che ho percepito io. Credo che la questione dell’amico sia solo qualcosa che mi è stato detto dopo il non ti amo più per indorare la pillola!

    Grazie davvero ancora per il commento! 🙂

  3. Sai che ti dico?
    Ti sei trovata un uomo col mestruo, mi spiace.
    Non lo so quando nelle genetica umana sia cambiato qualcosa, ma così è stato. Perché no, non è normale.

    Da quel che leggo mi sembra che lui si senta un po’ in colpa, e per evitare di sentirsi in colpa preferisca rifilarla tutta a te (eh ma io sono bravo, ringraziami, ti lascio perché tu non sei in grado di farlo e sei emotivamente instabile)
    È quasi meno confortante della stronzata del: ti lascio perché ti amo troppo
    MA SE PERMETTI, POSSO DECIDERE IO QUELLO CHE VOGLIO PER ME SENZA CHE TE NE PREOCCUPI TU?)

    Sì, penso che quando le cose sembrino andare benissimo e poi di colpo uno se ne arriva con la sua bella novità, come se fossero mesi che foste lì a discuterne… Sia perché effettivamente lui da mesi ne discuteva con sè stesso.
    Parlavo di questo con un mio amico poco tempo fa, che ha lo stesso identico atteggiamento (non parlare mai di quello che prova e nel caso qualcuno lo costringa a farlo, fuggire) e lui ha detto che lo fa perché non riesce ad ammettere le cose nemmeno a sè stesso dunque diventa difficile ammetterle con gli altri.

    Mentre per rispondere alla tua domanda, se devo essere sincera, l’unico ex che ora è ancora mio amico credo sia sempre stato più un amico che un fidanzato (oh che gioco di parole contorto), e poi siamo talmente lontani che non può che funzionare la nostra amicizia.
    La nostra storia è finita di comune accordo per vari motivi, e con molta naturalezza di tanto in tanto continuamo a sentirci.

    1. Ahahahahah l’uomo con il mestruo…. Ahahahah non riesco a smettere di ridere però in effetti a pensarci bene ogni tanto c’erano i cambi di umore… Ahahahaha

      Infatti alla fine non posso far altro che percepire solo sollievo da quella decisione di chiudere ogni legame anche perché la proposta era partita da lui ed era lui che con un sms il giorno dopo mi aveva scritto ( testuali parole)che mi sarebbe stato vicino anche se non lo avessi voluto.

      A parole sono tutti bravi…

      E da quello che scrivi sono sempre più convinta che sia quasi impossibile ( a parte rari casi) l’amicizia fra uomo e donna che sono stati insieme!

  4. Nella mia relazione precedente mi sono trovata dalla parte opposta alla tua e mi sono comportata in modo molto simile al tuo ex.
    Per quanto mi riguarda la mi storia è durata 3 anni e per i primi 2 siamo stati molto bene insieme. Al terzo,per una serie di motivi,le cose sono cambiate. Ma sono cambiate soprattutto dentro la mia testa. Lui non ne sapeva niente,a malapena si accorgeva del mio sempre maggiore distacco. Poi un giorno l’ho lasciato (o meglio gli ho chiesto una stupida pausa e poi l’ho lasciato). E lui non ha capito,non se l’aspettava. A volte penso che non si voglia veramente guardare come stanno le cose,perchè fa male. Io stessa per mesi ho cercato di ignorare i problemi,le diversità e il crescente allontanamente. Perchè faceva comodo,perchè illudersi che vada tutto bene è molto più semplice. Poi no ce l’ho più fatta e l’ho lasciato e a lui è crollato il mondo addosso. Il mio essere fredda era dettato soprattutto dall’evitare rquivoci ( per es. “è carina con me magari ritorniamo insieme). E non è che il sentimento sia sparito da un giorno all’altro,ma si è logorato in mesi e mesi.
    Anche io ho provato a proporgli di rimanere amici. Te lo dirò francamente:è una cosa che chi lascia dice più per sentirsi meno in colpa verso l’altro che per reale intenzione. Per il periodo in cui ci siamo sentiti lui ha provato a riconquistarmi e io ho troncato li il “rapporto d’amicizia”. Perchè ho pensato sarebbe stato più facile,per entrambi. Tutta questa pappardella per dirti: 1)Uno non è che un giorno si alza e decide di interrompere una relazione. In non conosco la tua storia,ma se provi a ripensarci megari ci sono stati “segnali” che possono farti capire meglio il perchè della sua decisione 2)L’amicizia tra uomo e donna esiste,non esiste quella tra ex!

  5. Perchè devo per forza essere io quella che non ha colto i segnali? voglio dire, noi siamo stati in vacanza insieme. siamo tornati i primi di settembre e mi ha detto che non voleva più continuare il 21 dello stesso mese. Mi ha detto che aveva capito tutto dalla vacanza però non me lo aveva detto prima perchè in vacanza sarebbe stato stronzo e l’avrebbe rovinata, la settimana dopo non andava bene perchè eravamo appena tornati, quella dopo ancora c’era Friuli Doc e noi avevamo un impegno con amici comuni. Allora ha pensato bene di dirmelo il giorno prima che mi operassero per togliermi il dente del giudizio. E quando siamo tornati dalle vacanze abbiamo pure fatto sesso, se sapevi già che non andava bene cosa mi porti a letto a fare? Quando sono arrivata all’appuntamento in quel giorno fatidico mi ha pure baciato come se nulla fosse.

    Io non giudico la decisione ma il modo in cui ne sono stata messa a conoscenza. E soprattutto cosa è successo dopo. Io non ho chisto di rimanere amici. Io non ci ho provato quando ci siamo visti. Ma la stessa persona che ha preso decisioni continua a decidere della mia vita e per giunta mi viene anche a dire ” cosa ti avrò mai fatto” . Ti rendi conto? io sono una persona. Posso comprendere la freddezza perchè è una decisione ponderata ma non tutto il resto.

    E sì, segnali forse ne ho avuti. Sapevo che per lui era difficile legarsi a qualcuno ma in fondo credo che non abbia nemmeno provato a superare l’ostacolo.

    Grazie per il commento però. Anche la parte opposta aiuta a capire.

  6. Non ci sono maniere facili di finire una relazione nè da un lato nè dall’altro. Io posso dire che da parte mia, l’unica volta che ho finito una relazione c’erano mille motivi, ma non li ho voluti rivangare perchè non mi pareva il caso. Ho solo detto:”Mi dispiace, non ti amo più e non riesco a continuare.”
    Non credo esista qualcosa tipo “rimaniamo amici” dopo la fine di una relazione. Avendo letto la mail di lui onestamente non so che dire. Se avesse avuto dell’affetto almeno amicale si sarebbe astenuto dal dire alcunchè e si sarebbe preso le tue bestemmie in silenzio, almeno avresti odiato chi ti aveva lasciato e avresti potuto chiudere col tempo tutto in un cassetto.
    In ogni caso ci sono due parole che sono assolutamente necessarie, salutari e perfettamente calzanti quando ti trovi davanti una persona così:”Ma vaff….!”

    Vedrai che è liberatorio!

    1. Lo odio ancora adesso. Forse anche di più visto quello che ha scritto e detto. Eppure il mio cuore ancora non vuole “ragionare”… È passato un mese e io sono ancora qui che penso a lui…dicono che il tempo guarisca tutto, mi domando quanto tempo ci vorrà ancora!:(

      Però hai ragione credo che un bel ma vaff… Potrebbe essere un’ottima medicina!:)

      1. Se non altro per la faccia da….hai capito….che ha avuto. Non ci vuole molta immaginazione per capire che stai male e non vorresti saperne nulla di lui, se non per un ripensamento, che ovviamente non ci sarà.

      2. Giusto hai ragione mo’ devo riuscire a convincere anche quella parte più profonda ancora attaccata lui che è ora di andare avanti! Perciò SVEGLIA FEDEEEEEEE!!!!!!!:)

  7. Anonimo

    Ti dirò, ho un’amica bellissima e intelligente la quale ci conosciamo da molto tempo e abbiamo gli stessi gusti. Devo premettere che io SONO DA SEMPRE INNAMORATO DI LEI e non riuscivo a dirglielo. Così un giorno gliel’ho detto e lei mi rispose <>; ovviamente lei mi tranquillizzava dicendomi che la nostra è un’amicizia bella che non vuole rovinare.
    Ecco, io mi sento un po’ come te (scusa se non ho centrato in pieno l’argomento).

    Saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...