SPERANZA

– Ciao amore come stai? Allora a che ora arrivi domani? vengo a prenderti in stazione

– Devo dirti una cosa…

– Dimmi tutto.

– Domani non vengo. Non verrò più. Io…

– Ehi, aspetta. Un momento. Cosa succede? Cosa stai dicendo.

-Io non ti amo più.

E in quel momento pensa che non è quello che ha sentito. Che ha capito male. Che non è questa la realtà. Che la persona che ha pronunciato quelle parole sta mentendo. Poi inizia a pensare che forse è solo un momento. Che passerà. Che domani cambierà idea. Magari se ne potessero parlare. Se potessero per un momento ragionare. Chi le ha detto che poteva prendere quella decisione senza chiedergli niente. E poi pensa al futuro. A tutto quello che aveva immaginato e che non ci sarà più. E poi pensa al passato. A tutto quello che avevano passato insieme. Tutti i momenti belli. Le risate. Le volte che avete fatto l’amore di prima mattina quando i raggi del sole riuscivano appena ad entrare dalle tapparelle socchiuse. E poi pensa di nuovo al presente. Le parole sono come coltelli. Riesce a sentire ogni singola fibra del suo corpo. Perchè ogni singola fibra del suo corpo urla insieme a lui anche se lui non sta urlando in quel momento perchè non riesce a dire niente. E come se qualcuno gli avesse tagliato la lingua. Ma lui urla E un momento dopo sente il cuore che batte. Ogni singolo battito. Tu tun. Tu tun. Tu tun. I suoi sensi sono pià acuti. Tu tun. E a lui sembra quasi di non farcela, di sentire il muscolo che si lacera. Il petto di alza e si abbassa. Il respiro si fa veloce. La mente vaga da ogni parte ma non c’è più ragione.

Appoggia il telefono. Ma la conversazione è ancora in corso. Dall’altra parte lei ascolta.

Poi trova una corda. E una trave. Un fruscio.

Ha 23 anni. e ne avrà 23 per sempre. Ciao Angelo.

Ne ho sentire tante in questi giorni. Gente che ha detto che non si può morire per amore. Che bisogna reagire. Alcuni dicono che è una persona debole. Un vigliacco. Io credo che nessuno abbia il diritto di giudicare. Conosco le sensazoni che si provano quando la persona che ami ti dice che non ti ama più.  Credo che sia un dovere reagire. Ma sono sicura che non è mai facile farlo.Per questo non si può giudicare. La maggior parte delle persone ha biogno di amore. Ha bisogono di affetti. Io credo che per essere amati sia necessario amare se stessi. Mi dispiace. Mi dispiace davvero che Angelo non abbia potuto sperimentare cosa significa sentire il tuo cuore che batte  di nuovo. Non è il battito che senti quando pensi che il muscolo si stia per lacerare. E’ il battito della speranza. Il battito della vita che torna di nuovo a scorrere nelle tue vene. Mi dispiace che abbia pensato che non è possibile andare avanti. Che abbia pensato di non riuscire a farcela da solo. Mi dispiace che non sia riuscito a camminare. Andare avanti. Passo dopo passo. Guardi in basso. Poi un giorno alzi la testa. E davanti a te c’è il sole. Mi dispiace che non abbia potuto sentire come si si sente quando c’è ancora speranza.

Annunci

10 pensieri su “SPERANZA

  1. E’ proprio come dici: per amare gli altri, è necessario amare se stessi.
    Quando non ci si ama si vive dell’amore di un’altra persona, ed è sempre pericoloso.
    Quanto dolore in questa storia.

  2. Sì, amare se stessi ed essere capaci di stare bene anche da soli. Credo che questo renda anche la storia a 2 migliore di quanto possa essere se, come dici tu, se si vive dell’amore di un’altra persona.

    E poi questo ti permette, quando e se la storia dovesse finire, di rialzarti ed aspettare la persona che ti farà battere il cuore quando incrocerai i suoi occhi! 🙂

  3. Non credo sia solo una questione di amore per se stessi. Bisogna saper amare la vita, Amare qualcuno fa da collante a quelli che sono i pezzetti che formano una persona, pezzetti però che racchiudono tutto. Un amore purtroppo può finire, alcuni pezzi cadono ma nessuno può vietarti nel trovare un altro adesivo e magari incollare altri pezzi! Secondo me bisogna saper apprezzare in primis la propria vita, poi viene tutto il resto.

    1. assolutamente d’accordo con te. Amare la vita per me era implicito.

      Però per quanto uno ami la vita a volte capita che rimanga talmente ferito per amore che succedono queste cose. E io credo che uno dei motivi sia anche il fatto che se ami perchè dipendi dall’altro, perchè non sei in grado di stare solo quando vieni mollato non sei in grado di riprenderti

      Ovviamente e fortunatamente non è sempre così.

  4. liù

    Avevo 15 anni quando il mio primo ragazzo di cui ero innamorata pazza mi lasciò per mettersi con una delle mie migliori amiche,avevo una situazione in famiglia non molto felice ,per cui appena mi disse che era finita il mio primo pensiero mentre tornavo a casa era come morire !
    Non mi buttai sotto a un camion che stava transitando per puro caso ,ma per mesi il mio pensiero era fissato solo sul come morire .
    Poi non so come mi passò un poco anche se continuavo ad amarlo!
    Per cui capisco e non giudico quello che ha fatto Angelo.

      1. liù

        Bho ,non so se il mio è stato coraggio!Sono trascorsi un sacco di anni ma l’ex amica se parla con altri dice che lei ci si è messa solo dopo che lui ha lasciato me,cosa a cui non ho mai creduto ,dato che li ho visti insieme immediatamente!

      2. liù

        Ed io dato che ero cotta e stracotta l’avrei presa a calci in culo! Ma amica non era perchè io i ragazzi delle mie amiche non li guardavo manco per sbaglio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...