UN PENSIERO PERSISTENTE

DSC_0373

è quel pensiero che ti si insinua a tradimento nel cervello.

Quello che tu credi di riuscire a gestire, ti senti forte, ed invece un giorno ti svegli e capisci che non sei stata così brava. Anche se la bravura in certi casi non c’entra proprio niente.

Quel pensiero che all’inizio c’è e quasi non te ne accorgi. Si nasconde fra mille altri pensieri. C’è ma tu quasi  non ci fai caso. Se non fosse che quando appare inizi a sorridere. Non ci fai  caso e continui a vivere.

Quel pensiero che diventa sempre più presente con il passare dei giorni. E lo alimenti. E pensi di essere capace di controllarlo insieme al sorriso che appare sempre più spesso sulle tue labbra. Ma ti senti forte. Perché stai bene. Perché le cose vanno come dovrebbero andare. E non ti rendi conto che lo stare bene è alimentato anche da quel pensiero persistente.

E capita che quel pensiero persistente continui a persistere anche quando non dovrebbe.

Quando ti rendi conto razionalmente che è ora di cambiare pensiero. Non perché l’hai voluto. Ma perché ormai devi.

Quando ti rendi conto razionalmente che è così facile andare avanti. Razionalmente. Ti fai discorsi in testa e ti dici cose che diresti a qualsiasi persona con briciolo di cervello. A qualsiasi persona a cui vuoi bene. Nella tua mente risuona talmente tante volte la parola “basta” che ad un certo punto quella parola non riesce più a stare chiusa in un cervello e sfugge tra le labbra. E sfugge perché ne hai bisogno. Hai bisogno di sentire qualcuno dire “basta”. E non deve essere una persona qualunque perché alla fine, lo sai, l’unica persona che può dire “basta” sei tu.

Sono io.

Ero io.

Era il mio pensiero persistente. Ora è un pensiero. E c’è ancora. Eppure in questi giorni mi sorprendo quando il pensiero persistente appare. Mi sorprendo perché mi sorprende il fatto che non è più così persistente.

Ho detto “basta” un sacco di volte eppure una mattina mi sono svegliata e solo più tardi mi sono accorta che  le mie attenzioni, i miei pensieri erano cambiati. E non so davvero che cosa sia successo o a che cosa sia dovuto perché se lo sapessi davvero, non avrei pronunciato “basta” milioni di volte avrei semplicemente eliminato quel pensiero. Ma io non lo so come si fa. So che succede. All’improvviso. E ho quasi paura di scriverlo perché temo che le cose cambino ma poi mi rendo conto che, per come sono fatta io, quel pensiero persistente non può che diventare un ricordo.

E lo scrivo perché ci credo.

E lo scrivo perché lo sento davvero.

E lo scrivo perchè non fa più così male.

Annunci

19 pensieri su “UN PENSIERO PERSISTENTE

    1. ho letto! 🙂 incredibile davvero anche perchè quel post non lo avevo mia visto prima! 🙂 che strano mondo il mondo dei blog

      bello comunque quel post!
      simile perfino nella costruzione delle frasi.

      1. Ma infatti leggendolo mi sembrava davvero di vivere un deja vu. Poi considera che il mio blog nasce come raccolta di cose scritte altrove in tempi molto diversi, quindi il post risale ad almeno due o tre anni fa. Ma l’assonanza era davvero impressionante!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...