ORFEO ED EURIDICE

Orfeo era un fighetto, figlio di Eagro (re della Tracia) e della Musa Calliope da cui prese il dono della poesia. Il nostro Orfeo era un lirico, ma in fondo, in fondo al suo animo un inetto. Era come se avesse scambiato la perfezione artistica con la freddezza dell’ animo. Ma Orfeo si innamora di Euridice, una bellissima ninfa. Lei credeva nella bontà del suo cuore. Gli ripeteva di continuo: “Sei una brava persona”.

Questo amore così grande, così folle diede ad Orfeo l’illusione di essere diventato “uomo”, uomo in carne ed ossa, capace di provare sentimenti veri, quelli che la perfezione della sua lira e dei suoi versi non riuscivano a cantare. Quando era con lei, Orfeo riusciva ad apparire diverso anche ai suoi stessi occhi.

E arriva il giorno del matrimonio. Il giorno della felicità assoluta. O almeno così avrebbe dovuto essere.

Euridice per fuggire dalle insidie del pastore Aristeo scappa nei campi e viene morsa a morte da un serpente.

Orfeo non si rassegna di averla persa e decide di scendere all’Ade a riprendere l’unica donna in grado di renderlo felice. Come sua unica difesa ha la lira e la sua voce, con cui ammansisce Caronte e Cerbero e tutti nell’ Ade rimangono incantati dalla melodia… le Danaidi smettono di raccogiere l’acqua, Tantalo non soffre più la fame e la sete….E anche gli dei infernali, Ade e Persefone, alla dolcezza di quei suoni non gli seppero rifiutare la richiesta di riprendersi la sua sposa.

“Riprenderai la tua sposa- disse Persefone – ma non dovrai voltarti a gurdarla nella via di ritorno sulla terra”.

E si incamminarono. Orfeo davanti ed Euridice dietro. Orfeo riusciva a percepirne il respiro, sentiva i suoi passi. Il cuore gli martellava nel petto: gli sarebbero bastate le forze per quell’ultima prova?

Procedono. Sente ancora i passi della sua sposa a volte più vicini, altre più lontani. E arrivano all’uscita.

Nessun rumore dietro di sè. “Euridice!” grida Orfeo voltandosi.

Dietro di lui nessuno.

Annunci

24 pensieri su “ORFEO ED EURIDICE

  1. Conoscevo vagamente la storia, senza tutti questi particolari.
    Ma Euridice poi che fine ha fatto? Si è nascosta, è caduta nel tombino, Persefone l’ha fatta sparire quando Orfy si è girato oppure non lo hai mai seguito?

    1. Che fine abbia fatto Euridice nessuno lo sa. Potrebbe aver cambiato idea all’ultimo momento, mentre camminava si è accorta che le sarebbe toccata la vita della casalinga ed ha preferito le feste all’inferno alle pulizie di primavera oppure potrebbe averla fatta sparire Ade (anche se danno la colpa a Persefone) annoiato dalla consorte. In fondo Euridice era una bella donna, avrà pensato di divertirsi un po’ oppure se l’è mangiata Cerbero. Chissà.

  2. Mi piace il modo in cui hai raccontato questo mito.. ora attendo un bis!!
    Bellissima la storia di Orfeo ed Euridice, e ricca di risvolti da cui possiamo imparare anche nelle relazioni reali di coppia, soprattutto un monito per noi maschietti

  3. Orfeo, costretto a non guardare gli occhi dell’amore, innamorato, guarda…
    e l’amore torna ombra. Destino segnato per Orfeo, il cui nome significa “oscuro”…
    Mai fidarsi degli dei!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...