CHIMICA

Inizio a capire almeno un po’ il senso di tutto quello che ho passato. O forse non c’è un senso è solo che mi piace pensare che nulla accada per caso anche se a volte un po’ ce le cerchiamo.

Sapete cosa ho imparato davvero da tutto quello che è successo? Ho imparato ad arrendermi. E arrendermi non significa buttare tutto alle ortiche semplicemente perché non hai voglia di metterti in gioco, di stravolgere la tua vita, di correre il rischio di conoscere qualcuno che ti potrebbe piacere o forse no. Conoscere qualcuno a cui tu potresti non piacere, con cui potresti avere grande feeling ma non obiettivi in comune.

Arrendermi per me è semplicemente essere consapevoli che se una persona non ti sceglie, non ha voglia di intraprendere un cammino in comune che può essere di un km o anche 3000, allora non sei sbagliata. Va così. E volti pagina. Subito, senza ma e senza forse però se….

La mia più grande conquista è stata la capacità di rendermi conto quando qualcuno non è interessato e di conseguenza la capacità di mollare la presa.

Quello di cui mi sono accorta in tutti questi anni di tentativi è stato come le persone non hanno le idee molto chiare o forse le hanno ma gli manca la capacità (perché non hanno coraggio e forse – e sono più propensa a credere a questa ultima cosa – gli manca il cervello) di dire quello che pensano. Di esprimere le loro idee, i loro obiettivi.

Magari qualcuno non lo dice perché non ne è davvero conscio.

Quello di cui mi sono accorta è che io ho sempre avuto sete di Amore. Quello con la A maiuscola che per me significa avere un compagno di viaggio in questa vita che è davvero troppo corta. Se non lo trovavo allora speravo, inventavo, giustificavo in attesa di qualcosa che quel qualcuno in quel momento non poteva o non voleva darmi. Il problema non è tanto il fatto che i tuoi sentimenti non siano ricambiati, quello accade è il gioco delle relazioni, il problema è che io non volevo prenderne atto. Continuavo ad insistere aspettando che accadesse qualcosa, che scoccasse una scontilla che alla fine non è mai scoccata.

Mi sono dimenticata di quella sensazione che si prova quando conosci qualcuno. Anzi, quando non lo conosci ma quando lo incontri per caso. Quel brivido che ti percorre, quel qualcosa che non sai definire che senti aleggiare, quella voce che ti spinge a dire che quella persona la vorresti conoscere.

Chimica. Mi piace pensare che sia così. Che la sostanza di cui siamo fatti abbia incontrato una materia che sente simile. E si accende. Reagisce esattamente come potrebbero reagire due elementi della tavola periodica. Potrebbero mescolarsi, amalgamarsi, unire il meglio di loro per creare un qualcosa di unico ma senza annullarsi oppure potrebbere essere solo un grande botto.

È meraviglioso possedere la consapevolezza. Sapere quello che vorremmo per noi stessi ed andare alla ricerca di queste nostre convinzioni. La magia sta nel trovarle in qualcun altro e non importa se poi le cose non andranno bene almeno avrai potuto sperimentare finalmente cosa significa avere a che fare con qualcuno che almeno ci prova.

Photo by Jennifer Murray on Pexels.com

13 risposte a "CHIMICA"

Add yours

  1. Bellissimo pensiero e ancora di più bellissimo aver raggiunto questa consapevolezza. Mi richiamo alla mente il concetto di saper scegliere le proprie battaglie: ci son situazioni in cui vale la pena lottare perchè anche dall’altra parte c’è volontà/impegno/interesse o qualsiasi altra declinazione di questo concetto. Ce ne sono molte altre in cui nonostante anche magari una chimica favorevole non c’è il terreno adatto, non c’è la volontà dell’altra parte e in un angolino del nostro cervello ne siamo anche consapevoli ma alle volte è più rassicurante convincerci che dobbiamo solo, noi, impegnarci un po’ di più.
    Hai fatto un gran passo avanti.

  2. Per amarsi bisogna che entrambi lo vogliano, altrimenti è tempo perso. Si è come dei Don Chisciotte contro i mulini a vento e si rischia di farsi del male da soli. Capire questo è importante, perché permette di chiudere una partita che è persa in partenza.
    Il volersi intestardire su una strada sbagliata procura solo mali e ci sfuggono sotto il nso altre persone che forse fanno al caso nostro.

  3. …E’ un pò ciò che è successo a me ! Il vero problema è che innamorarsi con la A maiuscola, determina degli strascichi infiniti… Ma poi pian piano passa…
    Chimica un pò tossica ! 🙂

  4. Ho riletto il tuo post molte volte e lo ritengo oltre che molto profondo e bello, emerge una consapevolezza ritrovata che permette di vedere dove per molto non si è visto nulla.
    Poi, credo, che imbattersi in questi meandri oscuri del sentimento amoroso, non sia una cosa semplice e non si riesce a capire se sia bianco o nero ma semplicemente molto sfumato.
    Ho passato mesi cercando di capire, di comprendere, di trovare una qualche soluzione da una persona che aveva tutto circoscritto e non ne vedevo il perimetro.
    Per questo, credo, che arrendersi, come dici tu, sia la svolta più corretta per far luce in se e nel capire le dinamiche dei rapporti umani, specialmente quelli amorosi o profondamente sentimentali.
    Inoltre credo, come accenni nel tuo post, che ci sono persone che hanno proprio dei limiti mentali di fronte a queste relazioni.
    Non so se tutto questo peregrinare alla ricerca di un approdo sentimentale sia la modalità giusta ma senz’altro ci fa riflettere sugli incontri futuri.
    Apprezzo tanto il tuo ‘ragionare’ su queste cose ! Ti assicuro che non è da tutti !
    Ciao !

    1. grazie mille! ti dirò che mi sento fortunata per avere trovato questa consapevolezza non so se ci sarei arrivata prima o poi se non avessi incontrato così tante persone sbagliate e una che non dico sia quella giusta ma almeno ha una parvenza di uno che vuole mettersi in gioco. Poi ovvio che non si sa come andrà a finire ma ero stufa davvero di trovare persone che non avevano chiari i loro obiettivi e soprattutto stufa io di aspettare sempre qualcosa che non poteva accadere.

    1. ho letto io ti posso dire che quando cercavo LUI in passato mentivo a me stessa quando dicevo di essere tranquilla, una parte di me non lo era anche se avevo sotterrato quella voce interiore. L’unica soluzione è stata troncare. Di netto. Ma in generale non possono dirtelo gli altri, devi arrivarci da solo quando è davvero il momento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: