LE COSE POSITIVE

Si riesce sempre ad imparare qualcosa.

A me piace trovare il lato positivo delle cose anche se, in alcuni casi, è quasi impossibile trovarlo.

Quello che di bello mi porto nel cuore è la sensazione di come dovrebbe essere una relazione bella. Una persona che ti chiama e non scrive solo messaggi. Che non sparisce, che parla di progetti futuri, che ti cerca, con cui passi del tempo felice e che finito un weekend è ancora lì. Una persona con cui puoi ridere, che ti sostiene, che da consigli e che ascolta.

Sì, sembra impossibile ma c’era tutto questo.

Poi non so cosa sia successo, forse semplicemente è sparita la magia iniziale, il vetro si è incrinato ed ormai non è più possibile metterlo a posto.

Lo prendo come punto di partenza se (o meglio quando) ricapiterà. Con la consapevolezza che potrebbe di nuovo essere un disastro o qualcosa di duraturo.

Mi domando ogni tanto se siamo davvero fatti per pochi e dobbiamo trovare la nostra anima gemella o se potenzialmente potremmo andare lontano con chiunque ci piaccia purché ci sia alla base la stessa voglia di parlare, dialogare, condividere, superare ostacoli, dimenticare, passare oltre, divertirsi, e tutto quello che dovrebbe esserci in una relazione sana con qualcuno.

C’è qualcuno da qualche parte per noi o possiamo provarci con tutti? O forse è comunque la stessa cosa perchè quel tutti è comunque destinato ad incrociare la nostra strada?

Photo by Pixabay on Pexels.com

Pubblicità

4 risposte a "LE COSE POSITIVE"

Add yours

  1. Penso che è anche un fatto di responsabilità, e quando i sentimenti cominciano a trasformarsi in qualcosa di più serio del gioioso intermezzo amoroso, allora il gioco si fa duro.
    Si Ama e si Condivide tutto in due. Se uno lascia, o se entrambi lasciano c’è qualcosa che fa scattare nuovamente quel senso di libertà che comunque un rapporto a due serio limita abbastanza.
    Come ti avevo detto, ciò che scrivi in forme diverse è capitato anche a me, ed ho sempre sospettato che l’errore più grande nel rapportarsi con l’altro sia stato più mio che di chi avevo di fronte.
    In più, il fatto che io sia uomo, quindi un modo di vedere e agire diverso dalla donna, mi ha fatto capire che sarebbe stata dura fino a quando non fossi riuscito a mettermi un minimo in discussione. Non ho mai capito quale siano state le molle che hanno distrutto quelle poche storie che ho avuto, ma nel mio caso, l’altra parte ad un certo punto, ha scelto di lasciar perdere.
    Forse dovresti prendere le storie come vengono, senza farti molte illusioni. Se l’altra parte si dimostrerà all’altezza (quindi con un’assunzione di responsabilità e sensibilità) allora si potrebbe aprire il capitolo successivo.
    Capisco che sono solo chiacchiere, ma ho sempre dato molto valore a queste cose.

    Ciao.

    1. Ma io non mi faccio illusioni! Si tratta solo di avere a che fare ad un certo punto con aspetti del carattere, modo di pensare dell’altro. Se non sono come i tuoi allora bisogna trovare una via di mezzo, venirsi incontro. Non puoi pretendere che una persona ti rincorra per una vita e non molli se non fai nulla per dimostrare che ti interessa. Un esempio pratico? una settimana chiedendo di vederlo di persona e alla fine mi sono dovuta accontentare del telefono (non poteva proprio quel giorno? allora magari mi dici “oggi no, ma facciamo domani” non “vediamo cosa si riesce a combinare”)

      Io sono più fatalista, forse non erano le persone adatte a me, pazienza, arriverà quel qualcuno, ma non ho intenzione di accontentarmi.

      ciaooooo e grazie! 🙂

  2. Direi che hai inquadrato bene come dovrebbe essere un rapporto. Reciproca stima, parlarsi di persona o per telefono, se si è distanti. I messaggi? Possono essere un surplus ma non la molla principale.
    Se qualcosa si è incrinato, si deve valutare se questa è solo superficiale oppure profonda. Nel secondo caso, è meglio chiudere, perché anche se si dovesse ricomporre, non sarà mai tutto come prima.

  3. L’amore è una cosa seria e quando tra due persone c’è amore vero questo non finisce mai. Il problema è che oggi manca la serietà e lo spirito di sacrificio, la società ci ha abituato all’usa e getta, quando qualcosa ci stufa lo buttiamo e lo cambiamo, facciamo cos’ anche con le persone. Se guardiamo indietro di qualche decennio, le cose erano diverse, la generazione dei nostri genitori, nella maggior parte dei casi, faceva di tutto per mandare avanti un matrimonio. Oggi è tutto cambiato ….. in peggio ovviamente.

    Un saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: