VOGLIO UN ANNO DA LASCIARMI SENZA FIATO

-Kikka che cosa vuoi per Natale? – mi ha chiesto mamma qualche giorno fa.

-Niente.

-Come niente?

-Ok, allora regalami il completino rosso per capodanno. Mi raccomando però sceglilo bene e che porti fortuna!

Babba Natale mi ha portato quello che ho chiesto. E sicuramente, visto chi lo ha scelto, sarà un regalo che porterà fortuna. Non so perchè ma se dovessi andare dietro alle sensazioni ho come l’impressione che questo nuovo anno sarà un anno di cambiamenti. Quello passato è stato un anno un po’ difficile. Alti e bassi, lacrime e risate, gioie e dolori. Un anno vissuto sicuramente. Un anno intenso. Per quello nuovo mi voglio regalare qualche lettura in più, tanta musica e un bel viaggio ancora non so dove. I viaggi mi sono sempre piaciuti. I viaggi cambiano le persone. Il nostro modo di pensare, le nostre prospettive. Le nostre vite.

E’ scesa la neve ieri. Un panorama bianco. Silenzio e quiete.

Voglio un nuovo anno di quelli da lasciarmi senza fiato.

Un anno di quelli da rendermi felice da fare schifo.

Un anno di quelli senza rimpianti.

Un anno da vivere.

Un anno che mi faccia sorridere.

Un anno da ricordare.

 

30 ANNI

“Io mi divertivo ad avere trent’anni, io me li bevevo come un liquore i trent’anni. Sono stupendi i trent’anni, ed anche i trentuno, i trentadue, i trentatré, i trentaquattro, i trentacinque! Sono stupendi perché’ sono liberi, ribelli, fuorilegge, perché è finita l’angoscia dell’attesa, e non è cominciata la malinconia del declino. Perché siamo lucidi, finalmente, a trent’anni! Se siamo religiosi, siamo religiosi convinti; se siamo atei siamo atei convinti. Se siamo dubbiosi, siamo dubbiosi senza vergogna. E non temiamo le beffe dei ragazzi perché anche noi siamo giovani, non temiamo i rimproveri degli adulti perché anche noi siamo adulti. Non temiamo il peccato perché abbiamo capito che il peccato è un punto di vista, non temiamo la disubbidienza perché abbiamo scoperto che la disubbidienza è nobile. Non temiamo la punizione perché abbiamo concluso che non c’è nulla di male ad amarci se c’incontriamo, ad abbandonarci se ci perdiamo: i conti non dobbiamo più farli con la maestra di scuola e non dobbiamo ancora farli col prete dell’olio santo. Li facciamo con noi stessi e basta, col nostro dolore da grandi. Siamo un campo di grano maturo a trent’anni, non più acerbi e non ancora secchi: la linfa scorre in noi con la pressione giusta, gonfia di vita. E’ viva ogni nostra gioia, è viva ogni nostra pena, si ride e si piange come non ci riuscirà mai più. Abbiamo raggiunto la cima della montagna e tutto è chiaro là in cima: la strada per cui scenderemo un po’ ansimanti e tuttavia freschi. Non succederà più di sederci nel mezzo a guardare indietro e avanti e meditare sulla nostra fortuna…”Fallaci O.

 

Qual è il regalo più bello che hai ricevuto oggi Fede?

Un anello. Un anello di diamanti.

Uh. Qualche ragazzo?

La mia famiglia. Un diamante è per sempre. E con la fortuna che ho io rischio anche di trovare quello che se ci lasciamo lo rivuole indietro. 🙂

…e Tanti Auguri.

A ME!

 

PIOVONO REGALI

 A pensarci bene quest’anno fra Natale (che è già passato)e Compleanno(che manca poco)ho ricevuto pochi regali ma buoni. E soprattutto quelli che mi sono piaciuti di più sono stati quelli che non mi aspettavo per niente o quelli che mi aspettavo perchè preannunciati ma non avevo idea che il quel pacco ci fosse quel regali lì!
Come quando l’anno scorso mi sono ritrovata quel bracciale che adoro!Io mi ricordo di aver detto che mi piaceva, ma mai e poi mai mi sarei aspettata di trovarmelo in quell’astuccio blu!E il mio nuovo regalo tecnologico (che sto ancora cercando di capire come funziona) che è da tanto che dico che era tempo di cambiare!La capacità di sorprendermi. Questo è quello che mi piace dei regali. Quando sono inaspettati o quando non sai cosa c’è dentro. Quella sensazione lì. Di attesa…e poi la gioia per la scoperta. Soprattutto se fatti da chi ti conosce. Perchè chi ti conosce ci prende sempre. Non c’è mai imbarazzo. Solo attesa e felicità. 
GRAZIE!!!

UN FOLLE REGALO O UN REGALO FOLLE?!

 

Ho ricevuto come regalo di compleanno inatteso  il libro "Elogio della Follia"di Erasmo da Rotterdan….
…che implichi un messaggio subliminale nascosto?
Della serie forse ho bisogno di una visitina psichiatrica??!!

Grazie Anto!

Però ho trovato questa frase nel libro…"Le donne  corrono dietro agli stolti; fuggono i saggi come animali velenosi".Diciamo che cambiando i termini stolti e saggi con termini che nonsipossonodire ci sta!:D